Parma Pallamano 1970

Sconfitte Farmigea e Casalgrande

(da www.pallamanofarmigea.it)

TERAMO – FARMIGEA 31 – 20 (Primo tempo 16 – 11)

Si è chiuso con la sconfitta di Teramo l’anno 2013 per la Pallamano Farmigea, militante in Serie A1 girone B. La coppia Bassi-Scisci di Conversano (BA) alle 18.30 in punto, d’avanti ad un folto pubblico, ha dato il via alla gara Teramo-Farmigea, la dodicesima di Campionato.

Sulle panchine due amici ed ex compagni di squadra: Cavicchiolo per Farmigea e Fonti per Teramo.

Mister Cavicchiolo deve fare a meno del portiere Turini, impegnato con il lavoro, Andreini ancora out e Bednarek ancora indisponibile.

Mister Fonti invece deve fare a meno del nazionale Robertino Pagano, ceduto in settimana alla Pallamano Fasano del Presidente Angelo Di Carolo.

Tante le assenze ma tante anche le novità, prima su tutte il ritorno in campo con la maglia della Farmigea del romagnolo Maurizio Tabanelli, classe1967!!!
Farmigea forse risulta essere la squadra più giovane a partecipare al campionato di Serie A, e a differenza delle restanti squadre che si vantano di avere giovani atleti, la Farmigea, oltre ad averli, li fa anche giocare…

La presenza di Tabanelli servirà solo a dare fiducia e un punto di riferimento ad un gruppo molto giovane che in questa stagione sta dando veramente tanto, e che potrà trarre dall’esperienza di Maurizio molta ispirazione in campo.

Ma passiamo alla gara giocata. Farmigea si presenta con Mannocci tra i pali, Meoni ed Anelli sulle ali, Mazzi e Perfigli terzini, Cascone pivot e Piletti centrale. La difesa è mutata da 5:1 a 6:0.

Come la scorsa settimana nella gara contro l’Ambra, durante la quale i ragazzi di Cavicchiolo hanno iniziato a giocare solo dopo un pesante 8-0, anche a Teramo la musica si è ripetuta. Questa volta però, sul punteggio di 5-0 in favore di Teramo, Mister Cavicchiolo gioca la carta “Taba”, e come per magia la squadra toscana inizia a giocare a pallamano ed è proprio Maurizio a segnare la prima rete dopo dieci minuti di gioco.

Mannocci para, Taba segna e fa segnare, Meoni è preciso e fulmineo, Piletti spinge sull’acceleratore e si riapre la partita… peccato per qualche esclusione di troppo!!! La pallamano è anche questo….

Comunque la prima frazione di gioco si chiude a – 5 sul punteggio di 16-11.
Nella ripresa il Teramo, sospinto dall’entusiasmo e dal proprio pubblico, ingrana la marcia chiudendo addirittura a + 11.

A fine gara risulterà un vero cecchino il giovane Mattia Mancini, con 4 splendide reti all’attivo.
Per Teramo invece sarà la coppia Vaccaro e Nikocevic ad assestare duri colpi alla Farmigea.

Alle 05.30 del mattino del giorno seguente finalmente il ritorno a casa dopo la trasfertona di Teramo. Adesso un mese di pausa del campionato, per l’esattezza il campionato riprenderà il 18 gennaio, ma la Farmigea riprenderà il 25 con la trasferta di Ancona.

Ancora 4 gare prima di finire la formula regolare del campionato poi play off e play out.
Farmigea dovrà affrontare Ancona in trasferta, poi Ferrara in casa, poi trasferta a Carpi e l’ultima gara casalinga contro Bologna. Seguiranno poi i play out.

Lunedì 30 dicembre 2013, il Consiglio Direttivo della Pallamano Farmigea esaminerà attentamente questa prima parte di campionato e valuterà se e come intervenire per affrontare al meglio le restanti sfide che valgono la permanenza nella massima Serie.

Per prima cosa ci sarà da capire come e quando si potranno recuperare i giocatori attualmente indisponibili, poi si analizzerà ogni ruolo e valutando dove mettere mano per migliorare e/o cambiare.
Di sicura sarà dedicato molta professionalità nello studiare una soluzione che possa risultare vincente.

PALLAMANO FARMIGEA: Mannocci Marco, Munda Marco, Tabanelli Maurizio 2, Meoni Vlado 3, Mazzi Michele 2, Lorenzini Giovanni 1, Anelli Lorenzo 1, Bufoli Michele, Perfigli Dario 1, Spadavecchia Andrea 1, Mancini Mattia 4, Benedetti Marino, Piletti Lorenzo 2, Cascone Francesco 2. Allenatore Sergio Cavicchiolo

 

(da www.sportreggio.it)

Nessun regalo di Natale per i ragazzi di Galluccio sconfitti 33-18 da Ambra seconda forza del campionato

 

PRATO – Una Nuova Era Casalgrande priva di Mammi, Zerbini e Scicchitano ha terminato il 2013 agonistico con un ko nel complesso prevedibile: i biancorossi hanno infatti affrontato la corazzata Ambra Poggio a Caiano, seconda forza del girone B e squadra più che mai lanciata all’inseguimento della capolista Carpi. Fin qui, niente di speciale: tuttavia, al PalaConsiag gli ospiti hanno disputato la classica partita dai due volti. Nei primi 40 minuti si è vista una Nuova Era tonica, determinata ed efficace: anche se l’Ambra è sempre rimasta avanti nel punteggio, i casalgrandesi hanno saputo metterla in difficoltà varie volte. Ben altra musica negli ultimi 20 minuti, dove la compagine di Galluccio si è completamente spenta: ciò ha lasciato spazio a un dominio assoluto da parte degli arrembanti toscani, che hanno così spadroneggiato in lungo e in largo andando poi a riportare una larghissima vittoria. A ben guardare, già nelle battute iniziali si era capito che la serata della Nuova Era sarebbe stata piuttosto problematica: al 10′ Casalgrande ha dovuto fare i conti con la prima tegola, rappresentata dall’acciacco di Ricciardo. Quest’ultimo ha abbandonato il campo a causa di un infortunio alla caviglia: le conseguenze sono ancora da valutare, ma Devid potrà comunque sfruttare la lunga sosta natalizia per rimettersi completamente. Sul finire del primo tempo è poi giunta l’espulsione di Davide Ruozzi: gli arbitri Romana e Romana hanno estratto un discutibilissimo cartellino rosso diretto, dovuto a presunte proteste che l’atleta di Salvaterra avrebbe rivolto ai direttori di gara. Una decisione piuttosto cervellotica, anche perchè Ruozzi non ha dato luogo a nessuna intemperanza così grave: ad ogni modo questa mossa ha decisamente penalizzato la Nuova Era, che nella ripresa ha risentito dell’assenza di uno tra i suoi giocatori più rappresentativi. Per ciò che riguarda le prove individuali, nelle file di casa Raupenas ha pienamente confermato le proprie doti di fromboliere di primo livello: nella Nuova Era, spiccano il “solito” Mattia Lamberti e la buona prestazione di Yassine Lassouli.
“Nel primo tempo”, ha commentato il tecnico biancorosso Luca Galluccio, “abbiamo fatto in buona sostanza tutto ciò che potevamo: l’espulsione di Ruozzi è stata la chiave di volta della partita, ovviamente in senso negativo per noi. Io non amo parlare degli arbitri, specie quando perdo così largamente: tuttavia, stavolta devo proprio dire che i direttori di gara non ci hanno certo agevolati. Nella ripresa i ragazzi hanno subìto la mancanza di Ruozzi, non solo sul piano tecnico ma pure per ciò che riguarda l’aspetto psicologico: in tal modo Davide non ha potuto fornirci i suoi consueti 10 minuti votati all’attacco, e questo ha favorito l’ampio successo ottenuto dall’Ambra. Se a tutto ciò aggiungiamo l’infortunio di Ricciardo, il quadro delle difficoltà che abbiamo incontrato emerge in maniera ancora più chiara. Comunque sia”, ha proseguito il trainer della Nuova Era, “grande merito all’Ambra: Poggio a Caiano ha messo in mostra tutte le proprie doti pallamanistiche, soprattutto per ciò che concerne la fase difensiva. Quanto a noi, negli ultimi 20 minuti siamo praticamente scomparsi dal campo: dovremo ripartire da ciò che di buono abbiamo costruito nei primi 40”. Già, perchè la Nuova Era è attesa da una ripresa di fuoco: il 18 gennaio al PalaKeope arriverà la fuoriserie Carpi.

AMBRA POGGIO A CAIANO – NUOVA ERA CASALGRANDE 33 – 18 (primo tempo 16 – 10)
Ambra Poggio a Caiano:
 Ballini, Chiaramonti 3, Cipriani 4, De Stefano 5, Dei 5, Di Marcello (P), Faggi, Mannori 1, Maraldi 4, Morini 2, Raupenas 8, Trinci (P), Gradi, Padiano 1. All.: Roberto Morlacco.
Nuova Era Casalgrande: Morelli 3, Pranzo 1, Ruozzi, Usai, Lassouli 4, Ricciardo 1, Lamberti 5, Lenzotti, Barbieri 1, Fantini (P), Giubbini 3, Rivi (P), Scalabrini, Montanari. All.: Luca Galluccio.
Note: espulso al 29’pt Ruozzi (N) per proteste.

Altri risultati della 13esima giornata:
Luciana Mosconi Dorica Ancona-Bologna 34-24
Teknoelettronica Teramo-Farmigea Pisa 31-20
Estense Ferrara-Terraquilia Carpi 28-35.
Ha riposato il Romagna Imola.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *