Parma Pallamano 1970

La Nuova Era Casalgrande torna alla vittoria (2 articoli)

(dal sito  www.pallamanospallanzani.it )

Sabato sera abbiamo potuto assistere alla miglior prestazione della stagione da parte di Nuova Era che ha liquidato la compagine Marchigiana in una partita condotta dall’inizio alla fine con un punteggio che quantifica esattamente i valori espressi sul campo dalle due formazioni con la formazione Reggiana che già al termine del primo tempo aveva in pratica chiuso la partita con un vantaggio di + 8.

Parte forte la formazione di Mister Galluccio che con un Enrico Mammi, anche se non al meglio della forma fisica, scatenato nei primi minuti piazza un 5 – 2 al 5’ e con una difesa ferrea la Nuova Era si porta sul 10 – 5 al 15’ per giungere al 25’ con il risultato di 14 – 8 e con il tabellone luminoso che al 30’ segna 17 – 9 in favore della squadra di casa.

Si torna in campo e le cose non cambiano, il gioco di Nuova Era è fluido e la difesa sempre compatta che non lascia spazio all’avversaria e si giunge al 40’ 22 – 15 al 50’ 27 – 19 ed al termine dei 60 minuti regolamentari il risultato finale sorride alla compagine Reggiana 32 – 23.

Bella e piacevole partita con una Nuova Era che ha vinto la gara mettendo in campo una difesa solida e determinata che non ha concesso nulla agli avversari che sono stati costretti a subire le ripartenze della formazione di Galluccio con un attacco che a differenza di tante passate occasioni è andato a segno con precisione con un Mattia lamberti in veste di miglior realizzatore dell’incontro con 12 reti personali.

Buona la prova del giovanissimo Federico Fantini a difendere la porta Reggiana per oltre 50 minuti in seguito dell’espulsione con un rosso diretto a Mattia Rivi per un fallo commesso fuori dall’area per cercare di fermare un contropiede avversario. Da segnalare inoltre la prestazione degli acciaccati Ruozzi e Mammi che nonostante le loro non perfette condizioni fisiche hanno fornito una prestazione importante, specialmente in fase difensiva, per l’esito finale dell’incontro con anche le prestazioni dei tanti giovani scesi in campo sempre all’altezza della situazione e che dimostrano partita dopo partita di essere in crescita.

Nuova Era Casalgrande: Morelli 4, Pranzo 3, Ruozzi 2, Usai 2, Lassouli, Ricciardo 1, Lamberti 12, Lenzotti, Barbieri 1, Fantini (P), Giubbini 1, Rivi (P), Mammi 6, Montanari. All.: Luca Galluccio.
Luciana Mosconi Dorica Ancona: D’Intino (P), Magistrelli, Campana 3, Castillo 9, Kattani, Lorenzetti 2, Lucarini 5, Rocchetti 1, Cardile 3, Sabbatini, Serpilli, Bastari, Magi, Skret. All.: Andrea Guidotti.
Arbitri: Zendali e Riello.

(da www.sportreggio.it )

CASALGRANDE (Reggio Emilia) – La Nuova Era ha centrato il secondo successo stagionale in campionato, e lo ha fatto con grandissima autorità: i biancorossi si sono imposti sull’Ancona con un risultato che non dà adito a discussioni di sorta. Per rendersene conto, basta osservare la prestazione che la compagine di Galluccio ha fornito al cospetto dei marchigiani: le difficoltà sorte a Bologna e nel primo tempo contro Imola sono lontane anni luce. Stavolta i padroni di casa hanno saputo incidere in ogni fase del gioco: Casalgrande è salita in cattedra fin dagli istanti iniziali dell’incontro, sfoderando una prestazione vivace in chiave offensiva e quanto mai arcigna per quanto riguarda la difesa. In buona sostanza, si è trattato di un match piuttosto facile da leggere: i locali hanno spadroneggiato in lungo e in largo, prevalendo su un’avversaria che comunque è tutt’altro che scarsa. E’ vero che Ancona ha dovuto fronteggiare numerosi problemi in termini di acciacchi e assenze, ma ciò non toglie proprio nulla all’assoluta qualità della partita che la Nuova Era è stata in grado di giocare.
Lo spumeggiante attacco biancorosso è stato guidato da un Mattia Lamberti che è addirittura riuscito a tornare in doppia cifra: ottima l’intensità difensiva, che ha bloccato al meglio le due principali bocche da fuoco ospiti (Campana e Castillo, in ombra anche quest’ultimo nonostante i suoi 9 gol). Alla fine sono scesi in campo anche Davide Ruozzi ed Enrico Mammi: pur essendo piuttosto lontani dalla migliore forma fisica, i due “senatori” della Nuova Era hanno fornito un contributo preziosissimo in termini di intensità, concentrazione e rendimento. Nella positività generale si è distinto anche Matteo Usai, così come il giovanissimo portiere Federico Fantini: il guardiano 16enne sta dimostrando di avere i numeri per poter ambire addirittura al posto da titolare. All’ 11′ del primo tempo, gli arbitri hanno comminato una giusta espulsione diretta al pur generoso Mattia Rivi: l’estremo difensore di Dinazzano lo ha dunque sostituito, e Fantini ha nuovamente conquistato i meritati battimani della platea del PalaKeope.
“Questa partita rappresenta un vero punto di svolta”, ha commentato il tecnico della Nuova Era Casalgrande Luca Galluccio“l’efficacia difensiva è stata la principale carta vincente, e ciò rappresenta un segnale decisamente confortante. Nelle partite precedenti avevamo accusato parecchie difficoltà nel chiudere i varchi agli avversari, e i moltissimi gol che abbiamo incassato lo dimostrano in pieno: contro Ancona siamo invece stati capaci di applicare alla lettera quanto avevamo preparato in settimana. Tutto ciò senza ovviamente dimenticare le doti offensive che i ragazzi hanno messo in mostra: questo miglioramento globale della squadra non è certo frutto del caso, perchè negli allenamenti noto sempre grande concentrazione e dedizione da parte di tutti i nostri giocatori. Resta solo un filo di rammarico”,ha proseguito il timoniere biancorosso: “se avessimo giocato così pure in precedenza, avremmo sicuramente qualche punto in più… Comunque sia, adesso non è il momento di piangere sul latte versato: ora dobbiamo solo pensare al prossimo turno sul campo del Pisa, consapevoli del fatto che la vittoria su Ancona deve rappresentare semplicemente un nuovo inizio. Guai a montarsi la testa, adesso sarebbe del tutto fuori luogo”.
Come è facile immaginare, le dichiarazioni di Andrea Guidotti sono di ben altro tenore. “Grande onore alla Nuova Era, che si è aggiudicata con pieno merito l’intera posta in palio: mi aspettavo che Casalgrande giocasse in questo modo”, ha affermato l’allenatore della Luciana Mosconi, “e purtroppo noi non siamo mai stati in grado di prendere le dovute contromosse. Giambartolomei e Cardinali mancavano, mentre Castillo e Rocchetti non erano certo al meglio della condizione: tuttavia, tali aspetti sono ben lontani dall’essere un alibi. Abbiamo fornito una prestazione di squadra del tutto inconcludente, e noi eravamo comunque nella condizione di poter figurare molto meglio. Purtroppo l’atteggiamento di alcuni giocatori mi sta deludendo, specie sotto l’aspetto caratteriale: sarà quindi necessario prendere i dovuti provvedimenti. Ora il discorso play off è praticamente chiuso per noi, anche se a dire il vero non ci abbiamo mai pensato così intensamente: ora andiamo avanti con il progetto che abbiamo impostato, dando sempre più spazio ai giovani”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *