Parma Pallamano 1970

Azeta Ala non sa più vincere

La partita persa dal Parma contro il Bologna è la dimostrazione di una squadra che non sa più vincere, la formazione di Ferrari è l’ombra di quella vista ad inizio stagione. La squadra ducale ad inizio gara viene schierata con Mancuso e Bolzoni alle ali, Oppici e Ferrari terzini, Usai centrale, Cortesi pivot e Liviu in porta.
Buon inizio per Parma con un parziale di quattro a zero, i felsinei in difficoltà non riescono a contenere gli attacchi parmigiani. Fabbri, allenatore dei bolognesi, corre ai ripari inserendo il mancino Martinelli come terzino destro. La partita per Parma purtroppo cambia anche a causa dei cambi imposti dalla panchina parmigiana che ad onor del vero indeboliscono la difesa. Anche in attacco le azioni del Parma perdono di efficacia. Leban, estremo difensore del Bologna, diventa la bestia nera per i parmigiani che sbagliano più del dovuto. A causa dei troppi errori al ventesimo il punteggio è di parità dieci a dieci. I ragazzi di Ferrari nonostante i tanti errori, chiudono il primo tempo in vantaggio per 13 a 11; le ultime due conclusioni del primo tempo sono state segnate grazie a Usai e Salliu.
Il secondo tempo riparte con i parmigiani in seria difficoltà, in difesa non riescono ad arginare gli attacchi di Martinelli e Savini. In attacco regna la confusione, poco gioco e parecchi errori con palle perse. Il Bologna ne approfitta rimanendo in partita grazie agli errori del Parma. A dieci minuti dal termine Usai deve lasciare il campo per somma di esclusioni. L’epilogo, a 1 minuto e quarantaquattro secondi dal termine il Bologna pareggiava, nell’attacco successivo il Parma perdeva l’ennesima palla in attacco servendo il solito Martinelli che si involava verso la porta ducale segnando e portando il Bologna in vantaggio per 27 a 28. Finale al cardiopalma, ripresa del gioco e Maiavacchi riportava in parità il punteggio 28 a 28. Attacco del Bologna a 30 secondi dalla fine che segna con Capelli; Parma riparte velocemente ma il suo attacco è fermato da Cimatti. Il fallo del felsineo viene punito con il cartellino rosso come da regola nell’ultimo minuto di gioco. Mancano 4 secondi, schema del Parma che va al tiro a tu per tu con il portiere ma uno strepitoso Leban sfoggia una parata da Champions League e chiude l’incontro con la vittoria del Bologna.
Che dire, il Bologna non ha rubato nulla, gli arbitri non sono stati peggiori di altre volte. Si può dire che il Parma visto oggi non è da serie A2, troppi gli errori dai sei metri, troppe le palle perse, molti giocatori fuori forma. Purtroppo ora il Parma è atteso da una difficilissima trasferta derby a Modena. La squadra di Ferrari vista ieri sera senza gioco avrà vita difficile fra sette giorni; solo una grande prova d’orgoglio potrà fare in modo che l’Azeta-Ala torni con almeno un punto dal PalaMolza.

 

 Azeta Ala – Bologna 28 – 29  (13 – 11)

ALA AZETA: Vulpe, Mancuso 3 Bolzoni 2, Fossati, Ferrari 3, Maiavacchi 1, Cortesi 1, Faiulli 5, Usai 3, Salliu 7, Oppici 3, Battacchi, Luppino, Boschi. All. Ferrari Matteo

BOLOGNA: Martinelli 11, Barattini, Bariselli 1, Bignardi 1, Cacciari 2, Bertacchini, Capelli 4, Cimatti 1, Leban, Magri, Molinari 1, Santolero, Savini 7, Toschi 1. All. Fabbri Andrea

Arbitri: Panetta e Di Casola

A2 Gir. C  – Seconda giornata di ritorno
12/12/2015 16:00 MASSA MARITTIMA VERDEAZZURRO  41 – 38
12/12/2015 18:30 PARMA  BOLOGNA  28 – 29
12/12/2015 18:30 SECCHIA RUBIERA MODENA  22 – 23
13/12/2015 18:00 FOLLONICA TAVARNELLE  15 – 26
 
Classifica A2 Maschile Gir. C
21 CHIANTIBANCA TAVARNELLE e SECCHIA RUBIERA; 18  MODENA; 13 BOLOGNA; 12  FOLLONICA e PARMA; 6 MASSA MARITTIMA, 4 SASSARI 
 


Azeta Ala Parma – Bologna Pallamano 29-28 di sportemilia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *